Ultime News

(18/05/2017) LA DIGITAL TRANSFORMATION IN ITALIA HA BISOGNO DI MANAGER 4.0

Una figura manageriale nuova, che sappia connettere i saperi, gestire la complessità, accompagnare micro e piccoli imprenditori nella trasformazione digitale: questa la necessità emersa con forza dal Forum su Industria 4.0.



Una figura manageriale nuova, che sappia connettere i saperi, gestire la complessità, accompagnare micro e piccoli imprenditori nella trasformazione digitale: questa la necessità emersa con forza dal Forum su Industria 4.0 dal (provocatorio) titolo [Dis]Occupazione Tecnologica che si è svolto a Roma venerdì 12 maggio 2017.

L’evento, organizzato e promosso da Mama Industry e Geeks Academy, è stato l’occasione per mettere a confronto esperienze e saperi diversi e per tracciare un quadro della situazione italiana, un unicum in Europa con il suo panorama di imprese a gestione familiare.

La quarta rivoluzione industriale è qui, davanti a noi, eppure non tutti gli imprenditori sanno come affrontarla. Molti non hanno gli strumenti, sia economici che di competenze, e colmare questo skill gap con un aggiornamento costante è una delle chiavi per il successo secondo Antonio Venece, esperto di formazione e founder di Geeks Academy.

Tutti i relatori sono stati concordi nell’affermare la centralità del capitale umano nell’epoca della Digital Transformation: “A portare l’innovazione nelle aziende sono le persone” afferma Luca Bertone, di TIM#Wcap Accelerator, mentre Roberto Macina, startupper di successo dice: “Se non avessi condiviso la mia idea con altre persone, Qurami non sarebbe nata… l’importante non è l’idea, l’importante sono l’execution e il team”.

Il Prof. Riccardo Maiolini della John Cabot University ha sottolineato come d’altra parte, in un contesto come quello della microimpresa italiana, che non ha grandi budget a disposizione, la via all’innovazione passi necessariamente per l’outsourcing. Da qui la proposta, lanciata da Marco Travaglini , esperto di sviluppo d’impresa e founder di Mama Industry: formare professionisti che possano traghettare le imprese da modelli offline a modelli e processi online, da mentalità locale a mentalità globale, da progettazione di prodotti a disegno di soluzioni per utenti. Figure in grado di avere una visione strategica e renderla visibile all’imprenditore, di progettare servizi innovativi, di consigliare di utilizzare nuove tecnologie mobile, di sviluppare e far seguire una programmazione operativa, di definire un piano finanziario; professionisti capaci di affiancare l’imprenditore in scelte importanti e, in fase operativa, di creare relazioni e gestire gruppi di lavoro; veri temporary manager 4.0, anzi, di più: personal manager co-progettisti e co-imprenditori del cambiamento.

“L’imbarcazione migliore è quella con il migliore equipaggio” ha chiosato Roberto Spingardi, manager, giornalista e docente universitario ”Nelle aziende oggi, se vogliamo creare crescita e sviluppo, dobbiamo individuare persone capaci di comunicare, nel senso di mettere in comune”.
Durante l’evento è stato presentato uno studio condotto su oltre 1.000 micro e piccole imprese con casi di successo che dimostrano come l’investimento sul capitale umano abbia portato sviluppo e occupazione.

La relazione è scaricabile al link seguente:
http://www.mamaindustry.com/scarica-la-relazione/

Autenticazione necessaria

Per inserire un tuo commento a questo articolo devi essere registato, se non sei ancora registrato clicca qui. Se sei già registrato al sito effettua l’autenticazione inserendo il tuo indirizzo e-mail e la tua password.

Stampa questa pagina Invia questa pagina ad un amico
© 2015 Edinet Srl - Tutti i diritti riservati - Via Gaetano Doninzetti 30 - 20122 Milano - tel. 02.77886211 - P.IVA: 12985430151 - Privacy policy - Site credits