Ultime News

(02/08/2017) LAZIO: Linee di indirizzo per l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità sensoriale

Determinazione Regionale 23 giugno 2017 n. G08916, BUR 6 luglio 2017 n. 54



E' stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio 6 luglio 2017 n. 54 la Determinazione Regionale 23 giugno 2017 n. G08916, "Approvazione delle Linee di indirizzo per la realizzazione dell'integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale - Anno scolastico 2017-2018".

La Regione Lazio finanzia il processo di integrazione dell'alunno con disagio sensoriale in una cornice di coordinamento con tutte le risorse coinvolte nel processo di integrazione scolastica, in azioni dell'assistente alla comunicazione e comunicazione tiflodidatta mirate al miglioramento della qualità di vita dello studente e delle relazioni tra scuola e alunno.

L'assistente alla comunicazione integra la propria attività con quelle di altre figure (docenti curriculari, insegnanti di sostegno, personale ATA ecc. ecc.) senza sovrapporre compiti e funzioni, ma valorizzando i diversi ambiti di competenza.
Gli interventi si concretizzano in azioni entro il contesto classe e nell'intero ambiente scolastico rivolte al coinvolgimento di tutti gli alunni al processo di integrazione-inclusione, con un modello di partecipazione attiva.

Sono destinatari delle prestazioni i bambini e i ragazzi con disabilità sensoriale che, per attendere al percorso scolastico e formativo, frequentano i servizi scolastici ed educativi pubblici quali: asilo nido, scuola infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo, secondo grado e percorsi IeFP.

Sono disabili sensoriali:i non vedenti o ipovedenti, i sordi o ipoacusici

Per gli alunni sordi o ipoacusici viene offerta la possibilità di richiedere l'assistenza alla comunicazione, che sopperisce alla funzione comunicativa la cui compromissione, se non supportata, può causare difficoltà e svantaggi nel processo d'apprendimento, nell'integrazione e nella socializzazione.
Gli interventi si concretizzano nell'affiancamento a scuola dell'alunno da parte di operatori competenti nelle difficoltà comunicative adeguandosi alle esigenze e al contesto di ciascun alunno.
Per gli alunni è possibile scegliere tra diversi metodi di trattamento come lingua italiana dei segni, il bimodale e l'oralista.

Per alunni non vedenti o ipovedenti viene offerta la possibilità di richiedere l'assistenza alla comunicazione - tiflodidatta, che sopperisce alla funzione visiva la cui compromissione, se non supportata, può causare difficoltà e svantaggi nel processo d'apprendimento, nell'integrazione e nella socializzazione. Anche qui, gli interventi si concretizzano nell'affiancamento a scuola dell'alunno da parte di operatori competenti.

Per maggiori informazioni la Determinazione regionale è disponibile nella sezione Normativa Regionale di Nonprofitonline.

Autenticazione necessaria

Per inserire un tuo commento a questo articolo devi essere registato, se non sei ancora registrato clicca qui. Se sei già registrato al sito effettua l’autenticazione inserendo il tuo indirizzo e-mail e la tua password.

Stampa questa pagina Invia questa pagina ad un amico
© 2015 Edinet Srl - Tutti i diritti riservati - Via Gaetano Doninzetti 30 - 20122 Milano - tel. 02.77886211 - P.IVA: 12985430151 - Privacy policy - Site credits