Ultime News

(11/09/2018) LAZIO: Sostegno del diritto allo studio e promozione della conoscenza

Legge Regionale 27 luglio 2018 n. 6, BUR 31 luglio 2018 n. 62



Con la Legge Regionale 27 luglio 2018 n. 6, pubblicata sul BUR 31 luglio 2018 n. 62, la Regione Lazio sostiene il diritto allo studio e promuove la conoscenza, l'accesso ai saperi e alle opportunità formative.

Soggetti destinatari degli interventi, dei servizi e delle prestazioni previsti dalla presente legge sono gli studenti iscritti ai corsi di istruzione superiore attivati: dagli istituti universitari statali e dalle università non statali legalmente riconosciute, dalle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, dalle scuole superiori per mediatori linguistici abilitate a rilasciare titoli equipollenti ai diplomi di laurea conseguiti presso le università; dagli Istituti tecnici superiori (ITS) che svolgono percorsi formativi per il conseguimento della laurea professionalizzante.

Tra gli obiettivi degli interventi regionali:
- il sostegno e l'integrazione degli studenti universitari in condizioni di disabilità,
- il sostegno agli studenti lavoratori e a studenti genitori, agli studenti in sede, pendolari e a quelli fuori sede, agli studenti detenuti,
- il sostegno alle attività culturali e sportive nonché ai servizi didattico-formativi delle università,
- il potenziamento delle strutture residenziali e del sostegno abitativo in favore degli studenti fuori sede.

Viene istituito il nuovo ente pubblico preposto all'attuazione di questi obiettivi, l'Ente regionale per il diritto allo studio e la promozione della conoscenza - DiSCo, tra i cui servizi e prestazioni: borse di studio, sussidi straordinari per studenti in condizioni di sopravvenuto disagio economico; supporto alle attività, culturali, turistiche, ricreative e sportive e ai servizi didattico-formativi delle università, delle associazioni studentesche, culturali, di volontariato; progetti di contrasto al razzismo e ad ogni forma di discriminazione; fornitura di ausili, servizi e supporti specialistici in particolare per studenti svantaggiati e in condizioni di disabilità; misure di sostegno ai detenuti che frequentano corsi in qualità di studenti all'interno degli istituti di prevenzione e pena.

Con l'obiettivo di garantire il coinvolgimento e l'effettiva partecipazione degli studenti, è istituita la Consulta regionale per il diritto allo studio e la promozione della conoscenza, composta da 21 studenti.

La Giunta regionale approva il piano regionale triennale di programmazione degli interventi, dei servizi e delle prestazioni, entro il 31 dicembre di ogni anno antecedente la vigenza del medesimo piano.
Il piano regionale triennale indica gli obiettivi generali da perseguire e quelli da realizzare in via prioritaria, nonché le azioni e gli strumenti necessari e fissa in un apposito documento gli indirizzi e gli obiettivi che l'Ente è tenuto a raggiungere.

Per favorire la partecipazione degli studenti alla formazione delle politiche regionali in materia di diritto allo studio universitario, L'Ente mette a disposizione gli spazi necessari per consentire agli studenti di organizzare dibattiti pubblici.

Nella sezione Normativa Regionale di Nonprofitonline potete consultare la presente legge.

Redazione Non profit on line

Autenticazione necessaria

Per inserire un tuo commento a questo articolo devi essere registato, se non sei ancora registrato clicca qui. Se sei già registrato al sito effettua l’autenticazione inserendo il tuo indirizzo e-mail e la tua password.

Stampa questa pagina Invia questa pagina ad un amico
© 2015 Edinet Srl - Tutti i diritti riservati - Via Gaetano Doninzetti 30 - 20122 Milano - tel. 02.77886211 - P.IVA: 12985430151 - Privacy policy - Site credits