Ultime News

(28/11/2018) BASILICATA: Ecomusei, case di comunità

Legge 16 novembre 2018 n. 36, BUR 16 novembre 2018 n. 48



Con la Legge 16 novembre 2018 n. 36, pubblicata sul BUR 16 novembre 2018 n. 48, la Regione Basilicata promuove e disciplina gli Ecomusei, intesi come luoghi di comunità. L'Ecomuseo infatti si fonda su un patto che impegna una comunità a prendersi cura di un territorio e si attua attraverso un progetto condiviso ed integrato di valorizzazione di un territorio connotato da peculiarità storiche, culturali, materiali ed immateriali, paesistiche ed ambientali.

Gli Ecomusei sono promossi da associazioni e fondazioni culturali, ambientalistiche e di conservazione del patrimonio storico, senza scopo di lucro.
Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale approverà un Regolamento per la definizione dei criteri e dei requisiti minimi per il riconoscimento della qualifica di Ecomuseo, e per la individuazione dei soggetti ai quali ne è consentita la gestione.
Verrà quindi istituito un elenco degli Ecomusei di interesse regionale, riconosciuti con le modalità e sulla base del suddetto Regolamento.
L'inserimento nell'elenco degli Ecomusei, che viene aggiornato annualmente, equivale a riconoscimento della qualifica di Ecomuseo.

Tra le principali finalità perseguite dagli Ecomusei:
- restaurare, ripristinare e valorizzare ambienti di vita e di lavoro tradizionali, per recuperare e tramandare la cultura e le tradizioni delle popolazioni locali;
- promuovere e sostenere le attività di documentazione, catalogazione, ricerca scientifica e didattico-educativa relative all'ambiente, al paesaggio, alla storia e alle tradizioni locali del territorio, provvedendo, altresì, alla predisposizione dei documenti informativi da mettere a disposizione del pubblico in appositi luoghi o spazi destinati alla documentazione ed informazione;
- innescare processi di sviluppo dal basso e su scala locale, incentrati sulla mobilitazione organica delle risorse territoriali (ambientali, naturali, paesaggistiche, culturali, storiche, ) ed attraverso il coinvolgimento e la partecipazione diretta delle comunità locali, delle istituzioni culturali scientifiche e scolastiche, del settore produttivo e delle associazioni nei processi di valorizzazione, promozione e fruizione attiva in termini di sviluppo sostenibile, del patrimonio paesaggistico, culturale, materiale ed immateriale, sociale ed ambientale del territorio regionale.

Tra le principali attività degli Ecomusei:
- la realizzazione di Laboratori di cittadinanza attiva per la costruzione delle cosiddette Mappe di comunità;
- la predisposizione di itinerari di visita e percorsi di fruizione e di valorizzazione turistica e culturale;
- il mantenimento di attività tradizionali locali, e il recupero di antichi mestieri per l'avvio di botteghe - scuola, nell'ottica della riscoperta degli antichi saperi;
- la messa a disposizione delle scuole presenti sul territorio di spazi laboratoriali;
- la collaborazione nella realizzazione di percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro riguardanti il secondo ciclo di istruzione.

In particolare, i Laboratori di cittadinanza attiva costituiscono un importante strumento per garantire il riconoscimento di un ruolo attivo ai cittadini nelle decisioni che riguardano il loro paesaggio e la loro cultura: sono uno strumento di partecipazione attiva e condivisa, una esperienza di partecipazione, dal basso, nella gestione e valorizzazione delle risorse culturali locali e dei valori del territorio.

Tra gli obiettivi dei Laboratori di cittadinanza attiva, c'è la predisposizione delle Mappe di comunità e degli Statuti dei luoghi.
La Mappa è un libro disegnato e finalizzato a promuovere il ruolo degli abitanti nella costruzione di rappresentazioni del territorio in grado di descriverne l'ambiente di vita, e i valori socialmente riconosciuti del territorio di riferimento.
Lo Statuto dei luoghi è uno strumento a carattere normativo adottato dalle Amministrazioni locali e redatto attraverso un percorso che ha lo scopo di facilitare la comunità nel ricostruire ed esprimere la consapevolezza dei sé e del luogo per individuare ciò che ha un valore, una storia, un significato da difendere.

La presente legge regionale è disponibile nella sezione Normativa di Nonprofitonline.

Redazione Non profit on line

Autenticazione necessaria

Per inserire un tuo commento a questo articolo devi essere registato, se non sei ancora registrato clicca qui. Se sei già registrato al sito effettua l’autenticazione inserendo il tuo indirizzo e-mail e la tua password.

Stampa questa pagina Invia questa pagina ad un amico
© 2015 Edinet Srl - Tutti i diritti riservati - Via Gaetano Doninzetti 30 - 20122 Milano - tel. 02.77886211 - P.IVA: 12985430151 - Privacy policy - Site credits