(13/02/2017) Bobba: "La riforma del Terzo settore comincia dal Servizio Civile Universale"

La dichiarazione dell'On. Luigi Bobba a margine dell'approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri del primo decreto legislativo di attuazione della Riforma del Terzo Settore
13/02/2017


Il Consiglio dei ministri del 10 febbraio 2017, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni, ha approvato in via definitiva il decreto legislativo che disciplina il servizio civile universale, in attuazione della legge 6 giugno 2016, n. 106 relativo alla riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale.

L’obiettivo del Governo è di rafforzare il servizio civile quale strumento di difesa non armata della Patria ai sensi degli artt. 11 e 52 della Costituzione, di educazione alla pace tra i popoli e di promozione dei valori fondativi della Repubblica.

Il provvedimento, tra l’altro, prevede ex lege la partecipazione al sistema dei cittadini dell’Unione europea e degli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia e tende a razionalizzare gli interventi di servizio civile universale attraverso la programmazione curata dallo Stato, che deve soddisfare i peculiari fabbisogni del Paese in linea con gli obiettivi del Governo, prevedendo interventi a favore dei giovani con minori opportunità e meccanismi di premialità a favore degli enti che realizzeranno interventi con l’impiego di questi giovani.

Con il decreto si definiscono le finalità del servizio civile universale, perseguite mediante programmi di intervento anche in specifiche aree territoriali, quali le città metropolitane, e in vari settori tra cui: assistenza, protezione civile, patrimonio ambientale e riqualificazione urbana, patrimonio storico, artistico e culturale, educazione e promozione culturale e dello sport, agricoltura in zona di montagna e sociale, biodiversità, promozione della pace tra i popoli, nonviolenza e difesa non armata, promozione e tutela dei diritti umani, cooperazione allo sviluppo, promozione della cultura italiana all’estero e sostegno alle comunità di italiani all’estero.

Il decreto, inoltre, definisce i ruoli e le competenze dei soggetti che partecipano alla realizzazione del servizio. Allo Stato sono attribuite le funzioni di programmazione, organizzazione e attuazione del servizio civile universale nonché l’accreditamento degli enti, le attività di controllo, verifica e valutazione del servizio civile universale. Le funzioni di programmazione sono svolte mediante la predisposizione del piano triennale, attuato con piani annuali che tengono conto del contesto nazionale ed internazionale, delle risorse economiche disponibili derivanti dal bilancio dello Stato, delle risorse comunitarie e di quelle rese disponibili da soggetti pubblici o privati. Le funzioni di controllo, verifica e valutazione sono effettuate mediante un controllo sulla gestione delle attività degli enti, una valutazione dei risultati dei programmi di intervento e verifiche ispettive sulle attività svolte dagli enti. Le Regioni e le Province autonome sono coinvolte dalla Presidenza del Consiglio dei ministri nella predisposizione del piano triennale e dei piani annuali e nella valutazione degli interventi di servizio civile universale negli ambiti di competenza e, inoltre, attuano programmi di servizio civile universale con risorse proprie, previa verifica del rispetto dei principi e delle finalità del servizio civile universale. I giovani volontari possono essere impegnati in interventi in Italia e all’estero.

Sono individuati gli Enti di servizio civile universale quali soggetti pubblici e privati che, iscritti presso un apposito Albo, articolato in distinte sezioni regionali, presentano i programmi di intervento e ne curano la realizzazione. Per i giovani operatori volontari viene introdotto un modello flessibile di servizio civile con una durata da modulare in base alle loro esigenze di vita e di lavoro (otto-dodici mesi).

È prevista la possibilità di definire criteri per il riconoscimento e la valorizzazione delle competenze acquisite dai giovani durante il periodo di servizio. In particolare, le Pubbliche Amministrazioni possono prevedere nei bandi di concorso quale titolo preferenziale anche lo svolgimento del servizio civile universale.

Agli operatori volontari impegnati in interventi da realizzarsi in Italia è offerta la possibilità di effettuare il servizio, per un periodo fino a tre mesi, in uno dei Paesi dell’Unione europea, al fine di rafforzare il senso di appartenenza all’Unione e di facilitare lo sviluppo di un sistema europeo di servizio civile, ovvero di usufruire di un tutoraggio finalizzato alla facilitazione dell’accesso al mercato del lavoro.

Sono istituite la Consulta nazionale per il servizio civile universale e la Rappresentanza degli operatori volontari, a livello nazionale e regionale, quali organismi di confronto in ordine alle questioni concernenti l’attuazione del servizio civile universale.

In allegato, lo SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE A NORMA DELL’ARTICOLO 8 DELLA LEGGE 6 GIUGNO 2016, N. 106” (pubblicato sul sito del Governo).

"Il Servizio Civile cambia veste, assomiglia ai nostri giovani e come loro strizza l'occhio all'Europa - ha dichiarato il Sottosegretario al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, On. Luigi Bobba - Dopo un articolato percorso, grazie ad un lavoro sinergico che ha visto tanti momenti di ascolto e confronto tra tutti i soggetti istituzionali e non, siamo giunti all'approvazione del primo decreto legislativo di attuazione della Riforma del Terzo Settore, che rinnova, semplifica e valorizza il Servizio Civile. Rinnova perché da oggi il Servizio Civile diventa Universale, ovvero sarà aperto a tutti i giovani che desiderino intraprendere questa esperienza e avrà una vocazione europea, infatti i nostri ragazzi, compresi gli stranieri regolarmente soggiornanti, potranno prestare servizio negli Stati membri dell'UE.
In particolare, una importante novità garantisce ai soggetti ammessi a svolgere il servizio civile universale in Italia la possibilità di effettuare un periodo di servizio, fino a tre mesi, in uno dei Paesi membri dell'Unione Europea, ovvero di usufruire per il medesimo periodo di un tutoraggio finalizzato alla facilitazione dell'accesso al mercato del lavoro.
Il Governo, quindi continua l'importante sforzo di favorire e facilitare il collegamento fra i giovani e il mondo del lavoro anche nella prospettiva dell'integrazione europea.
Non solo, il Servizio civile si arricchisce di nuovi settori di intervento, capaci di rispondere non solo ai bisogni delle persone più deboli e delle diverse comunità territoriali del Paese, ma anche alle possibili ambizioni di crescita professionale dei giovani, come ad esempio il patrimonio storico artistico e culturale, l'educazione e la promozione culturale e dello sport, l'agricoltura sociale, la promozione della pace e la tutela dei diritti umani, la cooperazione allo sviluppo e della cultura italiana all'estero.
Semplifica perché si introduce un meccanismo di programmazione triennale dei giovani ammessi al servizio civile universale - continua il Sottosegretario - attraverso una pianificazione strategica delle attività e una prospettiva di investimento concreto per gli enti, in termini di formazione, sui ragazzi volontari. In particolare la riforma orienta gli investimenti formativi degli enti accreditati verso i giovani meno favoriti, offrendo loro un'opportunità sia di impegno civico e volontario che di acquisizione di nuove competenze, spendibili sul mercato del lavoro.
Infine, questo decreto legislativo valorizza il giovane ammesso al Servizio Civile Universale, attribuendogli uno status giuridico, che comporta un contratto tra il volontario e lo Stato che gli vede concedere una indennità che non è soggetta a tassazione. Per il 2017 sono già state disposte risorse per circa 260 milioni di euro che consentiranno di coinvolgere più di 47.000 giovani. Grande soddisfazione, quindi, per queste novità e il 2017 sarà l'anno di transizione durante il quale verranno messi a punto i provvedimenti previsti dalla nuova normativa.
Con oggi abbiamo posizionato il primo dei tasselli – conclude l'On. Luigi Bobba – gli altri sono in via di preparazione, sono quindi fiducioso di vedere realizzata la Riforma del Terzo Settore entro questa legislatura".

http://www.governo.it

http://www.lavoro.gov.it



SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE A NORMA DELL’ARTICOLO 8 DELLA LEGGE 6 GIUGNO 2016, N. 106”  SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE A NORMA DELL’ARTICOLO 8 DELLA LEGGE 6 GIUGNO 2016, N. 106” | 285,92 KB