(11/05/2017) UMBRIA: Norme contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere

Legge Regionale 11 aprile 2017 n. 3, BUR 19 aprile 2017 n. 16
11/05/2017


Sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria del 19 aprile 2017 n. 16 è stata pubblicata la Legge Regionale 11 aprile 2017 n. 3, "Norme contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere".

Con la presente legge la Regione adotta diverse politiche e misure per il superamento delle discriminazioni e per la prevenzione e il contrasto alla violenza, motivate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere.

Nell'ambito dell'istruzione, per esempio, la Regione sostiene e organizza attività di formazione per il personale docente delle scuole di ogni ordine e grado, in materia di contrasto degli stereotipi e dei ruoli di genere nonché di prevenzione del bullismo.
Queste attività sono rivolte anche a favore dei genitori degli studenti, e sono realizzate in collaborazione con il personale dei servizi pubblici socio-educativi, scolastici e socio-sanitari.

La Regione sensibilizza le aziende affinché si dotino delle certificazioni di conformità agli standard di responsabilità sociale.
Le associazioni senza scopo di lucro che operano in materia di contrasto alle discriminazioni e alle violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere sono da considerarsi parti interessate ai fini del monitoraggio sulla conformità agli standard di responsabilità sociale, in relazione alla presenza, nelle condizioni di lavoro presso le aziende, di eventuali forme di discriminazione determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere.

Inoltre, la Regione promuove la protezione, l'accoglienza, il sostegno psicologico e il soccorso alle vittime di atti di discriminazione e violenza determinati in ragione dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere. In particolare:
a) promuove iniziative di informazione, sensibilizzazione e formazione allo scopo di prevenire atti di violenza in tutti gli ambiti, a partire da quello familiare e scolastico;
b) promuove l'attivazione di centri di ascolto per la prevenzione della discriminazione e della violenza;
c) promuove protocolli d'intesa e altre collaborazioni con istituzioni locali e territoriali per prevenire e contrastare la discriminazione e la violenza in ragione dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere.

La Regione Umbria valuta l'opportunità di costituirsi parte civile nei casi di violenza commessa contro una persona a motivo dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere, che siano di particolare impatto e rilevanza sociale nella vita della comunità regionale, come in altri casi di violenze o discriminazioni, devolvendo l'eventuale risarcimento a sostegno delle azioni di prevenzione contro tali tipi di violenza o discriminazione.

Consulta la Legge nella sezione Normativa Regionale di Nonprofitonline.